Academy of Behavioral Sciences - Didattica

La Scuola di Specializzazione in Psicoterapia dello sviluppo e Adolescenza di Academy of Behavioral Sciences prevede nel suo percorso didattico l’apprendimento di queste specifiche tecniche d’intervento e le modalità di valutazione della loro efficacia.

Da ciò deriva infatti la scelta di orientare l’orizzonte del percorso formativo all’interno di una scelta di contesti specialistici inerenti a problematiche che finiscono col trovare una propria consistenza in relazione ad aspetti di interfaccia col mondo giudiziario.

Questo presuppone una competenza psicoterapeutica complessiva e il sicuro possesso delle tecniche di trattamento cognitivo comportamentali, collegate a una visione dello sfondo psicopatologico nel quale l’intervento viene attuato. L’attività formativa prevede quindi, oltre alla ripresa del contesto psicologico generale ed evolutivo, una base di conoscenze psicopatologiche e neuropsicologiche tali da poter collocare gli interventi tecnici in modo adeguato per le esigenze del caso.

L’attività applicativa al contesto psicotraumatologico e psicoterapico di derivazione dai contesti più formalizzati della giustizia, come nel caso del trattamento dei disturbi post-traumatici in situazioni di maltrattamento ed abuso all’infanzia e all’adolescenza, della psicotraumatologia da disastri, dei disturbi gravi della condotta negli adolescenti, nelle psicopatologie che derivano da separazioni e divorzi traumatici, va a completare un bagaglio esperienziale appreso nel corso del quadriennio di studio, che definisce un profilo specialistico particolareggiato, ma non riduttivo. La tematizzazione al contesto giuridico fornisce un terreno di applicazione specialistica a un modello evidence based, che ha origine da solide competenze generali di teoria clinica e teoria della tecnica appartenente all’indirizzo cognitivo comportamentale, nella sua evoluzione storica, fino alle attuali elaborazioni.

Pertanto, nel suo contributo di originalità, la Scuola di Specializzazione in Psicoterapia dello sviluppo e adolescenza della Academy of Behavioral Sciences, vuole offrire un modello formativo chiaramente orientato all’indirizzo cognitivo comportamentale nella teoria generale, nella teoria clinica e nella teoria della tecnica.

A prescindere da una conoscenza generale dei principali orientamenti teorici in psicoterapia, definisce un percorso di apprendimento dei metodi e delle tecniche di trattamento nella psicoterapia dello sviluppo per quanto riguarda aspetti di carattere generale, al fine di assicurare una competenza specialistica sull’intero settore, formando professionisti in grado di affrontare le diverse problematiche psicopatologiche emergenti nell’età evolutiva.

A questo si giustapporrà l’intenso lavoro nel target di riferimento psicoterapico che discende dal mondo giuridico, completando l’offerta formativa in un percorso esaustivo, ma focalizzato sulle evidenze di necessità psicoterapica emergenti dal contesto giuridico.

Per questo la scuola avrà quindi la connotazione di Scuola di Specializzazione in Psicoterapia dello Sviluppo e Adolescenza, nel contesto giuridico.

Per questo motivo nella formazione avrà un ruolo non marginale la psicodiagnostica, collegata alla metodologia specifica adottata da un approccio psicoterapico proprio del contesto giuridico, in quanto la testistica può offrire un criterio di valutazione utile per un esame psicologico obiettivo del bambino e dell’adolescente. Per quanto riguarda l'ambito minorile infatti, nelle situazioni di ragazzi violenti o criminali, l'esame della personalità è richiesto e specificato per valutare, tra l'altro, la maturità, l'imputabilità e il grado di responsabilità (art. 98 c.p.) di un minore autore di un reato, in cui, come chiarisce G. De Leo (1991), "Pur non essendo stata modificata dal nuovo c.p.p., la perizia psicologica e criminologica subirà comunque dei sensibili cambiamenti legati alle profonde modifiche del contesto processuale nel quale si inserisce" (art. 9 nuovo processo penale minorile).

O anche, ad esempio, in relazione ad interventi su minori vittime di abusi sessuali o maltrattamenti, con quesiti prettamente psico-sociali (Fornari 1989); sono queste, per G. L. Ponti (1987), "perizie del tutto particolari, più psicologiche che psichiatriche".

Anche in civile, in casi di affidamento minorile in coppie separate, l'esame della personalità viene spesso richiesto addirittura a tutti i componenti del nucleo familiare, oltre ad approfondite valutazioni sulle relazioni fra i componenti della famiglia, sull’ambiente culturale e sociale dei protagonisti. (“I test proiettivi in ambito giudiziario: limiti e possibilità di utilizzo" di P. Capri e A. Lanotte, contenuto all’interno del vol. 13 dell’ISISC a cura di L. de Cataldo “Abuso sessuale di minore e processo penale”, CEDAM, Padova, 1997).

Questo settore, la psicologia giuridica, richiede una notevole spesa di energie anche di carattere psicoterapico, in quanto l’aspetto di assessment e quello trattamentale rappresentano due segmenti di una realtà clinica fortemente collegata e in grado di offrire un reciproco contributo di integrazione al fine di raggiungere scopi diversi, talora anche distanti, ma non fra loro disgiungibili.

Un buon assessment, condotto con strumenti validati e normati, quindi attendibile e obiettivo è nel contempo una garanzia per il lavoro giuridico, ma anche una base di partenza sicura per la proposta di un trattamento psicoterapico in grado anche di essere valutato.

Per questo motivo la Scuola di Specializzazione della Academy of Behavioral Sciences intende dare un contributo di originalità proprio in tal senso, stabilendo un contatto virtuoso, fondato su conoscenze ed esercizio di competenze all’interno dei bisogni di terapia che emergono negli ambiti di lavoro istituzionali in cui entra la psicologia giuridica.

In ogni caso può ritenersi necessaria l'integrazione di più metodologie dell'esame psichico, tra le altre quella classica della psichiatria clinica con colloqui liberi e tematici che consente di giungere a deduzioni ottenute con elementi intuitivo-comprensivi, in cui inevitabilmente vengono esaltate le qualità dell'esaminatore, la sua preparazione e la sua esperienza, e quella cosiddetta sperimentale della psicologia clinica attraverso i Test psicologici, che tende a raggiungere risultati e chiavi di lettura obiettivi ed oggettivi, attraverso la standardizzazione e la taratura dei Test stessi, ed i cui dati possono essere utilizzati, valutati e criticati anche da altri esperti.

Per quanto riguarda la metodologia psicologica relativa ai Test, in conseguenza anche della sempre maggiore specificità che viene richiesta all’esperto, appare necessaria la vera conoscenza - acquisita oltre che con studi e aggiornamenti anche con l'esperienza - di strumenti diagnostici riconosciuti scientificamente validi, conoscenza che presuppone però preparazione e competenze non solo testologiche e psicometriche, ma anche e soprattutto cliniche e psicopatologiche, facendo bene attenzione ad integrare elementi statistico-standardizzati normativi con elementi contenutistici, che sono il presupposto di un buon lavoro terapeutico.

Infatti, l'utilizzazione distorta di strumenti tecnici (test proiettivi), che mirano ad ampliare ed approfondire la conoscenza e la comprensione di dinamiche e processi intrapsichici individuali, può compromettere l’intero esame di personalità e il processo diagnostico, alimentando il libero arbitrio rispetto a posizioni scientifiche acquisite, rendendo dunque non affidabile l’intera metodologia. (“I test proiettivi in ambito giudiziario: limiti e possibilità di utilizzo" di P. Capri e A. Lanotte, contenuto all’interno del vol. 13 dell’ISISC a cura di L. de Cataldo “Abuso sessuale di minore e processo penale”, CEDAM, Padova, 1997).

La Scuola di Specializzazione in Psicoterapia dello Sviluppo e l’Adolescenza si pone questi obiettivi formativi, richiamandosi all’indirizzo teorico-scientifico cognitivo comportamentale e tematizzando la propria specificità nel contesto giuridico.

Ambiti di intervento

  • Disturbi d’ansia trattati con approccio cognitivo-comportamentale
  • Disturbi dell’umore trattati con approccio cognitivo-comportamentale
  • Trattamenti post-traumatici attraverso EMDR
  • Disturbi di personalità attraverso la Schema Therapy
  • Percorsi di terapia per il singolo, l’adolescente, coppia e familiari
  • Consulenze di psicologia forense in ambito civile, penale e minorile
  • Consulenze di ufficio e di parte

Science & Method Associazione Professionale
Viale Regina Margherita, 9/D – Reggio Emilia
Tel: 0522/430053 - Fax: 0522/496645   Email: scuoladipsicoterapia@scienceandmethod.org

AVVISO: Le informazioni contenute in questo sito non vanno utilizzate come strumento di autodiagnosi.
I consigli forniti via web o email vanno intesi come meri suggerimenti di comportamento.
La visita psicologica tradizionale rappresenta il solo strumento diagnostico per un efficace trattamento terapeutico.

©2016 Tutti i testi presenti su questo sito sono di proprietà della Science & Method Associazione Professionale.
Ultima modifica: 19/07/2016